Melee Mania # 6: Nin Nin Nin Nin

Ninja The Mission Force

Il ninja. Una figura meglio nota per la sua segretezza, il suo sapersi mimetizzare con l’ambiente per colpire il suo bersaglio con l’aiuto delle ombre da cui rapido esce e nelle quali rapido ritorna. Ma non è quel tipo di ninja quello di cui parliamo oggi, piuttosto della sua versione di assassino letale, una macchina da guerra anche negli scontri ravvicinati  ma tutt’altro che segreti o silenziosi, il lato tamarro del ninja spadaccino che con la sua lama tutto taglia,  meglio esemplificato e reso popolare dal reboot per Xbox di Ninja Gaiden ( e le sue riedizioni Sigma), che non è il soggetto di questo numero, almeno non direttamente. Ovviamente ne parleremo in un futuri numeri, ma per ora diamo un’occhiata a qualcos’altro di diverso, ma non troppo.

Come sempre, vi auguro una buona lettura!

Sommario

-Ninja Blade

-Yaiba: Ninja Gaiden Z

Leggi il seguito di questo post »

[EXPRESSO] Pride And Prejudice And Zombies

pride prejudice and zombies locandina

Un mea culpa iniziale: non ho mai letto l’originale Orgoglio e Pregiudizio, né l’ononimo romanzo da cui è tratto il film in questione.
Ma sapete cosa, non importa molto per godersi quello che è destinato a diventare un titolo di culto, e non posso negare che è davvero difficile girare lo sguardo quando la moderna pestilenza di inserire zombi funziona in maniera quasi retro-attiva, ed inserire in non-morti in classici della letteratura è un segno di disperazione creativa. Lo è.

Ma francamente trovo assai difficile arrabbiarmi in un film che decide di mettere i conflitti di classe e di amore in un ‘800 in cui gli zombi hanno costretto gli inglesi a ritirarsi all’interno di enormi mura circondate da profondi fossati che manco Attack On Titan. Oltre ad inserire dame di corte allenate nelle arti marziali cinesi ed all’uso di spade e daghe, zombi parlanti e altre cose ancora più deliranti che non vi sto a raccontare, perchè sapete che vi dico?

Andate a vederlo se volete farsi delle belle risate, perchè l’ilarità non si limita a buttare un po’ di zombi ed elementi da exploitation movie, ma è genuinamente esilarante visto che il film riesce ad essere comico ed esilarante di suo, non limitandosi a parodie o la semplice giustapposizione di inghilterra vittoriana con zombie e damigiane ninja, e Matt Smith è davvero esilarante (ha un personaggio esagerato e caricaturale sì, ma fatto divinamente ), quasi da valere il prezzo del biglietto da solo. Francamente ho riso tantissimo, ed attraverso tutto il film mi immaginavo Tarantino e Rodriguez che silenziosamente approvavano con un cenno del capo, il frame finale poi… perfetto. XD

Certo, è comunque totalmente assurdo e delirante, pura exploitation, ma è onestamente messo assieme meglio del previsto, ed è una trashata davvero esilarante. Niente sequel però, please.

expresso icona

XCOM 2 [Recensione]

XCOM_2_cover_art

Piattaforma: PC Data di uscita: 05/02/2016

Xcom Enemy Unknown uscì nel 2012 ed è stato il tentativo di Firaxis di riportare in vita una vecchia saga, morta nel tempo, con qualche clone qua e là che faceva capolino. L’han fatto svecchiando la formula e rendendo tutto più approcciabile e più digeribile, anche se un po’ meno complesso. Con Xcom 2 hanno implementato ogni possibile miglioria, ascoltato il feedback dei fan per tirare fuori un sequel che potesse essere definito migliore in tutto.

Leggi il seguito di questo post »

Presto disponibile: l’indizio ovvio 2

PLATFORMATION #15: Sonic The Hedgehog

sonic the hedgehog 1991

Personalmente ho sempre faticato a vedere l’appeal di Sonic The Hedgehog come serie, e non lo dico per sensazionalismo, io adoro il genere e non mi interessano le faide da fanboy “Mario VS Sonic”, ma sul serio mi sfugge come questa serie esista ancora, visto che le fondamenta su cui si basa sono tutt’altro che solide, e più prosegue più diventa disperata, tenuta in vita su richiesta dei tantissimi fan quando in realtà dovrebbe essere finita da molto, specialmente visto quanto traumatico (e parliamoci chiaro, mai particolarmente ben riuscito) il passaggio da 2D a 3D sia stato per Sonic. Leggi il seguito di questo post »

Homeworld: Deserts of Kharak [Recensione]

1450320364-homeworld-deserts-of-kharak

Piattaforma: PC Data di uscita: 20 gennaio 2016

Homeworld era qualcosa di magico. Nel 1999 la Relic Entertainment rilascio con Sierra uno dei migliori giochi di strategia in tempo reale mai realizzati. Per il tempo aveva un doppiaggio ottimo, un’enfasi sulla storia decisamente marcata, musiche oniriche e fenomenali ed è tutt’oggi uno dei pochi giochi strategici in vero 3D, avendo a che fare con astronavi nello spazio che si muovevano su tutte e tre le direzioni. Homeworld è un gioco magico. Se si analizza in modo asettico ed oggettivo non è il miglior RTS in giro. Ma le emozioni, i feels, che regalò furono tanti. All’improvviso nel 2010, la Blackbird interactive, formata da ex Relic e fagli ideatori di Homeworld, presentarono un sequel spirituale: Hardware Shipbreak. Per una serie di fortunati eventi, Gearbox acquisitò la licenza Homeworld da THQ e si mise d’accordo con Blackbird per rendere questo nuovo gioco un nuovo Homeworld. E così arriva Deserts of Kharak. La magia sarà ancora quella? Leggi il seguito di questo post »

Dragon’s Dogma Dark Arisen [Recensione]

image (3)

Piattaforme: PC (giocata) /PS3 / 360  Data di uscita: 2013 (Console) / 15 gennaio 2016 (PC)

Cosa fa uno quando non ha una console? Aspetta. O dimentica. Una delle due. Ma le cose stanno cambiando. Se nel 2014 è apparso dal nulla Valkyria Chronicles su PC, quest’anno appare Dragon’s Dogma Dark Arisen, un esperimento Capcom nel mondo degli action RPG all’occidentale. Dopo anni di distanza dalla sua uscita sul mercato, può ancora dire qualcosa? Leggi il seguito di questo post »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 124 follower