E3 2015: Conferenze & Impressioni

Salve, queste sono le mie impressioni/commenti sulle conferenze dell’E3 2015, scritte conferenza dopo conferenza, abbastanza fresche, quindi se notate qualche discorso un pò confuso od “a caldo”, chiedo scusa, ma ho dormito poco ed ho scritto molta roba. Sorry.

Giusto per referenza, le mie opinioni si basano sulle conferenze e basta, non ho scritto nulla su quella dedicata al PC Gaming, sia perchè non mi interessa sia perchè nel momento in cui scrivo questo la conferenza non è ancora iniziata, e non sto sveglio pure per quella. Buona lettura, ho finito per scrivere… un pò, siete avvertiti!

Falout 4

Bethesda: Per la prima conferenza E3 della Bethesda, ed una buona, al punto.
Il nuovo Doom promette bene, bello brutale e senza particolari fronzoli, al punto, tradizionale ma uccidere demoni non è mai demodè, e rapido. E la motosega promette sempre bene, in ogni caso.
Non contento del fatto che pure Bethesda ha la sua cazzo di Origin e Uplay
Non ho ancora messo mano su Dishonored, ma sono felice di vederne annunciato un seguito, un po’ meno per il remaster HD del primo, ma a qualcuno farà piacere.
Non mi aspettavo di vedere un card game free-to-play su Elder Scrolls per rivaleggiare contro Hearthstone, mi aspettavo però di rivedere Elder Scrolls Online, di cui non mi frega niente, e pare sia un sentimento condiviso questo, dopo un lancio discutibile e tanto puzzo per poca roba
Non sono un fan di Fallout, né gli ho giocati (a meno che non vogliate contare tre ore scarse spese tempo orsono con Fallout 3), non ho nulla da dire su Fallout 4, a parte l’ovvio, cioè che sembra “roba buona” ed il cane è sempre un alleato gradito. 🙂
Il Pip Boy vero se non altro sembra qualcosa per cui vale la pena pagare il prezzo di una collector’s edition, una cosa superflua come appunto fanno notare, ma carina, come il giochino free-to-play per smarthphone Fallout Shelter, che sembra francamente carino.
Buona conferenza nel complesso, anche se non sono particolarmente interessato ai loro giochi, ma hanno mostrato vero gameplay di tutto, il che conta.

Cuphead

Microsoft: Mi aspettavo di peggio, francamente. Microsoft si è comportata bene, mostrando diversi giochi e parlando di TV e cazzate relativamente poco, e diverse esclusive, perlopiù vere stavolta, anche se ancora non ho capito se Rise Of The Tomb Raider (qui mostrato in un trailer che di gameplay sembra aver poco) sarà esclusiva X-Box (One e 360) solo temporale o meno.
Sul serio, non ho capito perchè non è stato detto nulla di definitivo al riguardo.
E da tradizione Microsoft non ha smesso di frangiare le palle mettendo avvisi “pre-ordina ora per bonus” durante i vari trailer, ovviamente.

Oltre ai titoli aspettati come Halo 5, Gears Of War 4 (e il remaster HD del primo, necessario), Forza 6, Fable Legends (se avete ancora qualche interesse nel franchise dopo anni di promesse esagerate e mai mantenute di Molyneaux, ovvio), ci sono stato diverse sorprese, per esempio ReCore, il cui pedigree (Keiji Inafune ed Armature Studio, composta di ex-dipendenti di Retro Studios) fa promettere bene; o l’annuncio di Dark Souls III, che non so se la gente lo voleva davvero, ho paura che anche la Namco sia ormai infetta dalla “febbre del sequel annuale”.
Altra sorpresa è stato l’annuncio di una collection di titoli Rare (pressapoco tutti) per X-Box One, ed un nuovo titolo della Rare attuale, un mmo open world sui pirati, Sea Of Thieves, esclusiva One anch’essa, ma che nessuno penso si inculerà, perchè tanto la Rare vera si chiama Playtonic Games adesso.

Sul versante indie, ci sono alcuni titoli interessanti (tra cui l’esclusiva One Cuphead di cui adoro lo stile grafico cartone animato anni ’30), e sembra intenzionata a puntare anche su questi più che in passato, con tanto di servizio “early access” in arrivo, con prove gratuite previste, ma temo per il peggio dopo il lampante esempio di Steam, con pochi progetti veramente belli e tante truffe. VEDREMO.

La retrocompatibilità per la X-Box One è una cosa gradevole e gradita (anche se inserendo i dischi di titoli 360 potrete/dovrete scaricarne solo una versione digitale, se ho capito bene), ma nulla potrà sistemare quel tentativo di due anni fa di abortire l’usato, e non è sta gran cosa di cui vantarsi od applaudire per, è solo retrocompatibilità, per l’amor del cielo. l’Elite Controller è… più interessante del previsto, ma non è per me.

Tra gli interventi di terze parti c’è stato un trailer di The Division da Ubisoft, e si è parlato di EA Access, che cerca di vendersi con titoli che gran parte dell’udienza ha già giocato da un bel po’, o roba come DLC “esclusivi” per Fifa 2016, posso solo ammettere che la mossa di rendere il servizio gratis durante l’E3 a chiunque abbia un abbonamento Live Gold ed un X-Box One è una sensata. Oh, e Plants Vs Zombie: Garden Warfare 2. Yuppi.

Diro solo che voglio un Plants Vs Zombie vero, né questo né quello schifo del 2. Grazie.

Una cosa che non mi aspettavo è il Microsoft Hololens, ovvero un dispositivo olografico, sviluppato assieme a Valve, e mostrato qui usando Minecraft come esempio. A sorpresa sarà possibile (almeno secondo le parole di Microsoft) usare anche Oculus Rift su X-Box One e Windows 10. MAH. Sembra tutto molto bello. Sembra, però.

Credo che la realtà virtuale sia in un certo senso il prossimo passo naturale per i videogame, ma se mi ricordo bene, la realtà virtuale (o mista) è decantata come la prossima “nuova frontiera del videogaming” sin dal Virtual Boy. Tante promesse, e zero di fatto, almeno per quello che conta, ciò metterlo sul mercato, renderla una tecnologia fruibile e che dà quello che promette senza essere un aborto o la solita “cosa ganza nuova” che una volta finito l’effetto novità mostra tutti i suoi difetti.Per quando la Microsoft vorrebbe, la gente non ha dimenticato il Kinect.

Io nemmeno.

Unravel

Electronic Arts: Dopo due conferenza competenti, eccoci a quella EA.
Devo ammettere che però in generale i franchise suoi mi interessano poco, a prescindere dal sacco di merda che è EA (ciao ciao Maxis, btw), con decisioni che azzerrano qualsiasi mio interesse come il nuovo Need For Speed che richiederà di essere sempre online per funzionare. Ma baffanculo.
Dicevo, a prescindere non ho molto interesse per Mass Effect o Star Wars Battlefront, ancor più quando è quasi sicuro che se c’è qualcosa che i giocatori odiano, l’EA lo infilerà nei giochi più attesi.

Del nuovo Mass Effect Andromeda è stato mostrato sono un breve trailer che ci fa intedere ci sarà un’ambientazione western al tutto….. e basta. Nient’altro, davvero.

Non mi aspettavo né l’espansione Star Wars The Old Republic (qualunque cosa sia) e neanche Unravel, un gioco che avrà uno stile “cucito a ferro e filo” come Yoshi Woolly World, Little Big Planet o Kirby: La Stoffa Dell’Eroe, e francamente sembra qualcosa di mio gusto.

Si parla un po’ più nel dettaglio di Plants Vs Zombies Garden Warfare 2 (di cui non me ne frega niente, come già detto prima), e e sicuramente ecciti la gente quando parli di videogaming mobile, cioè per telefoni, ed annunci un altro card game chiaramente pensato per inseguire il successo di Hearthstone, solo questo è su Star Wars. O quando presenti Minions Paradise, perchè chiaramente il pubblico dell’E3 è il target indicato per qualcosa sui Minions di Cattivissimo Me, ma EA è EA, quindi qualsiasi cosa ci possa svergognatamente portar soldi va bene.

Ed ovviamente i titoli sportivi EA, che non interessano chiaramente a nessuno, nemmeno a tizi a caso che dicono qualcosa sul palco e poi vanno via, sebbene siano il 60 % della conferenza (i segmenti sportivi, non i tizi a caso).
Ad essere onesto, le parti su i titoli sportivi (cioè gran parte della conferenza) ed il gioco dei Minions me le sono saltate quasi interamente, perchè non me ne frega proprio nulla.
Ed a giudicare dal silenzio soporifero in sala quando parlano di sport o titoli sportivi, non ero il solo. Non ho nulla contro Pelè, sia chiaro, ma non me ne frega rispettosamente nulla del calcio in generale, anche se la sua presenza è una delle poche cose degne di nota di questa conferenza, una capace di svegliare il pubblico, perlomeno.

Oltre il titolo più atteso è Mirror’s Edge Catalyst, che non sarà un seguito, ma un reboot/prequel del primo (non ho capito bene cosa di preciso), e sebbene il breve trailer sembri promettere bene (il gioco esteticamente sembra fantastico), parliamo sempre di EA, e quando finisce il suo trailer, si passa subito ad altri titoli sportivi, perchè.. EA è EA, di nuovo. E come l’anno scorso, non si sa nulla, visto che non è stato mostrato un briciolo di gameplay.
Si parla di Star Wars Battlefront (o meglio, ce ne parla una signora che sembra sia stata forzata a dire roboticamente dei suoi “ricordi di infanzia su Star Wars”) e ne vengono mostrate alcune immagini (screenshot? Non credo proprio. Non veri, perlomeno)., ed infine un video di gameplay che a seconda di quanto scritto nel video, è vero gameplay in fase pre-alpha. Certo, come no.

EA non si smentisce neanche quest’anno, annoiando il pubblico in maniera pericolosamente prevedibile, dedicando quasi più di metà della conferenza a titoli sportivi, uomini che parlano di sport (c’è Pelè, che conta per qualcosa, va detto) o di come la versione “201X” del simulatore di caciocavallo agonistico innova lo sport in questione, oppure parlando di titoli mobile, o mostrando trailer quasi sicuramente non rappresentativi del gameplay finale.
E dei giochi che interessavano davvero al pubblico non c’è altro che qualche misero teaser o brevissimi trailer in computer grafica, e se va bene trailer di “vero gameplay”.

Unravel sembra molto carino e pero che Mirror’s Edge Catalyst venga fuori bene, ma temo per il peggio. Noia & barba & sport, come la conferenza dell’anno scorso, nulla di nuovo purtroppo.

For Honor

Ubisoft: Dalla sua Ubisoft ha il facile compito di mettere insieme una conferenza meno noiosa di quella EA. Roba facile davvero, francamente.

Cosa in cui riesce facilmente fin dall’inizio, mostrando l’inaspettato South Park: Fractured But Whole, seguito di Stick Of Truth, il gdr di South Park uscito l’anno scorso, presentato nuovamente da Trey Parker e Matt Stone in persona, i due adorabili lestofanti, proprio loro. 😉

Tra le sorprese un trailer di una nuova IP, For Honor, un gioco d’azione mutiplayer 4 vs 4 mostrato in diretta durante la conferenza, che vi permetterà di combattere come un cavaliere medioevale, un vichingo od un samurai in battaglie campali popolate anche da IA, e francamente sembra “robba buona” davvero, con un combat system basato sul melee molto promettente.
E Trackmania Turbo (di cui non avevo sentito parlare prima) sembra una bomba di deliziosamente esagerato divertimento stile arcade, senza dimenticare l’inaspettato Tom Clancy’s Ghost Recon Wildlands.

Si parla di due espansioni, una normale per The Crew, ed una più folle con unicorni sputafuoco e gatti-Rambo per Trials: Fusion, e viene mostrato più materiale su Rainbow Six Siege e su The Division, ma ormai non mi fido dei trailer e del materiale video mostrato dalla Ubisoft all’E3.
Però mi piace l’idea della squadra e del tradimento in The Division, e sembra molto promettente, posso dire questo.

Ovviamente si parla di Just Dance (che non necessità più del Kinect, sostituibile da un normale smarthphone), e di Assassin’s Creed: Syndicate, di cui è mostrato solo un filmatone non di gameplay, e su cui non ho nulla da dire, se non speriamo non ci siano microtransazioni del cazzo e patch ciclopiche da scaricare per fare solo andare il gioco.

Nel complesso, Ubisoft (pur non meritando poi grande fiducia, dopo il caso Watch Dogs ed altre innumerevoli puttanate fatte in tempi recenti) ha messo su una buona conferenza, con qualche sorpresa gradita ed un nuovo IP, con una buona varietà di materiale mostrato. Ci sarà da vedere come saranno veramente i giochi mostrati, meglio ricordarlo, perchè di gameplay vero non so ne ho visto qualcosa in questa conferenza.

The Last Guardian

Sony: Porca trota, The Last Guardian, così di primo pelo, mostrato in video di gameplay e con una data d’uscita seppur generica, se anche stavolta non esce…. mi incazzo, perchè sembra fantastico.
Altra sorpresa è il nuovo IP da Guerrilla Games (più noti per i Killzone), Horizon: Zero Dawn, che vede tribù post-civiltà moderna cacciare dinosauri e creature robotiche con tecno-archi, sembra molto promettente.
Nuovo Hitman, presentato con la beta ed alcuni missioni in esclusiva Playstation, ok, ma avrei preferito un trailer di gameplay, forse nella conferenza Square Enix.

Parlando di sorprese, non mi aspettavo World Of Final Fantasy, tutto in stile chibi, né credo che qualcuno volesse un Final Fantasy in questo stile “iperpuccioso”, un esclusiva console Sony, btw.
Subito dopo, boom, annuncio del remake di Final Fantasy VII, non un porting da PS1, stavolta.
E parlando di BOOM, annuncio del Kickstarter di Shenmue 3 da parte di Yu Suzuki, presente in persona alla conferenza, così.

Mostrato del gameplay di No Man’s Sky, ed altri trailer di sviluppatori indie, che riconferma la linea presa da Sony verso i titoli “non tripla AAA”, molto accogliente e propositiva, per esempio con lo spazio dedicato a titoli pubblicati dall’affidabile Revolver Digital.
Non so cosa pensare di Dreams da Media Molecule, se non che lo stile grafico è interessante, e che sembra in linea con la filosofia “creazione, personalizzazione & condivisione” dello studio.

Oh, se vi interessa viene mostrato footage dalla nuova espansione di Destiny, se non si siete sentiti presi in giro al lancio dall’offerta del gioco base, e la promessa di 10 anni DLC a pagamento.
Segue un video che mostra l’arsenale a disposizione dalla protagonista femminile di Assassin’s Creed Syndicate, con missioni “esclusive per PS4” ma niente di gameplay, di nuovo, ed un altro video su Batman Arkham Knight, per il quale sarei eccitato se non fosse per il season pass da 40 euro. Grazie, Warner Bros.
Di nuovo, a nessuno frega di qualche micromissione esclusiva PS4 od ad esclusive temporali dei giochi, figuriamoci di DLC e cosa, non abbastanza da farti comprare la console. Oh, a questo riguardo c’è anche Call Of Duty Black Ops 3, che quest’anno è “video premiere” Sony invece di Microsoft, in un bizzarro scambio di ruoli.
Si parla ancora di Star Wars, con cosette minori ed un altro trailer di gameplay per il nuovo Battlefront, ed a conclusione c’è Uncharted 4, mostrato finalmente in azione con vero gameplay, anche se pare ci siano stati problemi con il controller ed hanno dovuto riavviare la demo.

Si parla anche qua di Realtà Virtuale con Project Morpheus, con diversi titoli o progetti annunciati appositamente per Morpheus ed anche qua dico la stessa cosa già detta nella conferenza Microsoft: tante belle promesse, voglio vedere i fatti, sono anni che la realtà virtuale è “IL FUTURO!!!” ed anno dopo anno continuo a non vedere nulla di concreto che possa giocare sul mio divano.

Mi dispiace, Sony, non mi vendi la PS4 con queste vaghe promesse di realtà virtuale.
Nè con servizi come Playstation Vue (una specie di servizio di streaming) o Spotify, né con i montage pubblicitari messi anche in mezzo alla conferenza come transizione.

Conferenza fantastica, tante news bomba ed una buona offerta di titoli anche indie in arrivo.
Peccato che i 10 secondi in cui è stata mostrata la Vita riconfermano l’abbandono a sé stessa ed alle terze parti di estrema nicchia. Un minuto di silenzio – di nuovo – per il fantastico portatile Sony abbandonato al suo destino dai suoi stessi creatori come il mostro nel romanzo di Mary Shelley.

nintendo-digital-event-satoru-iwata-puppet

Nintendo: Il fare scelte strane della Nintendo rende i vari Direct sempre una piacevole curiosità, perchè ci sarà sempre qualcosa di assurdo da parte loro che non vi aspettavate, nel bene o nel male.
Detto questo, Nintendo anche quest’anno ha scelto di fare una conferenza digitale ed ha deciso di inquietare o far ridere (non sono sicuro quale fosse l’intenzione, ma è strano) il pubblico con l’intro e vari micro-segmenti di transizione con pupazzi stile Muppets di Iwata, Reggie, Miyamoto ed altri, di cui non so cosa dire, se non che tutto mi aspettavo tranne… questo.

Ma mi sono fatto delle belle risate se non altro per l’assurdità e bizzarria incredibile del tutto. XD
Roba da vedere per credere, specialmente per come tutta l’intro delirante è un set-up alla presentazione di video di gameplay su Starfox. XD

E su questo, devo dire che pur non essendo un fan sfegatato di Starfox, questo nuovo titolo per Wii U (ora chiamato Starfox 0) sembra promettere bene, sembra divertente se non altro. 🙂
Non particolarmente interessato… ok, non interessato proprio agli amiibo, è stato un po’ una palla vedere Nintendo ed Activision unire di fatto Skylanders ed amiibo (anche se ha perfettamente senso) con i “giocatolli NFC doubleface”, né vedere i tremila nuovi amiibo, specialmente quelli di Animal Crossing, pensati per il già noto Animal Crossing Happy Home Designer, ma anche in vista dell’inedito Animal Crossing: Amiibo Festival per Wii U, che sembra essere un gioco da tavolo stile Mario Party/Fortune Street, tanto che prima di vederne il titolo, pensavo fosse un tabellone speciale per Mario Party 10 sbloccabile con gli amiibo.

Uhm… Almeno sono onesti, “amiibo” è nel titolo. Avrei preferito l’annuncio di un nuovo Animal Crossing per Wii U, uno tradizionale, giusto per dire. Ma ammetterò che gli amiibo di Yoshi in lana sono qualcosa di adorabile, lo sono.

Più interessante l’inaspettato nuovo Zelda per 3DS, Triforce Heroes, che sembra riprendere l’eredità della serie Four Swords, con grande enfasi sul multiplayer cooperativo, solo con tre Link invece che quattro e meccaniche nuove. Non mi aspettavo nemmeno Mario & Luigi: Paper Jam Bros (sempre per 3DS), che sembra un crossover di entrambe le serie gdr di Mario, con le versioni sprite e quelle “foglio” dei personaggi che convivono.
Nè mi aspettavo che quel gioco di “mecha soccer” annunciato durante il Nintendo World Championship è una parte di Metroid Prime: Federation Force (anch’esso per 3DS), uno sparatutto cooperativo per fino a 4 giocatori ambientato nell’universo di Metroid Prime, con protagonisti generici soldati spaziali.
Mi sento un po’ preso in giro, francamente, Nintendo, da questa “commercialata”. 😦

Si parla ancora di Mario Maker (ora con l’appellattivo Super), con Miyamoto e compagnia che parlano del titolo e della creazione di un livello, tanto che vanno anche a ripescare concept art vecchia 30 anni per il primo Super Mario Bros., con i livelli originali disegnati su carta nel 1985.
Sempre per celebrare il 30 anniversario di Mario, ha aperto una sorta di contest video, praticamente caricate qualsiasi cosa a tema Mario. … Ok. Avrei preferito vedere più gameplay e funzioni varie.

Presentato ufficialmente Yokai Watch (che arriverà in europa il prossimo anno) ed un nuovo Mario Tennis per Wii U, Ultra Smash, ed anche il porting per 3DS di Hyrule Warriors, con tutti i DLC ed i personaggi extra di Tetra/Dazel ed Il Re di Wind Waker, ma già lo sapevate qualche giorno fa.
Quasi dimenticavo, anche Xenoblade Chronicles X è riapparso in filmato, ed ha finalmente una data d’uscita, dicembre di quest’anno!

Oltre ad un trailer per Fire Emblem IF, ora nominato Fire Emblem Fates, ed uno per il crossover Wii U Shin Megami Tensei X Fire Emblem, che più lo guardo più sembra roba che la Compile Heart o la Idea Factory farebbe su PS Vita (il cui catalogo è in gran parte gdr giapponesi alla Hyperdimension Neptunia), con quel design fin troppo “anime 100 % otaku”, ed i personaggi di Fire Emblem ridotti a… Persona, per rimanere in tema, ma “quella” sottoserie Atlus ha molta più dignità (almeno a livello stilistico, non si sa quasi nulla della storia) di questo marasma di personaggi anime con tette enormi, costumi da idol e cazzate varie, che se non avesse i nomi Fire Emblem e Shin Megami Tensei non si inculerebbe nessuno.

Che poi sembra alquanto fuori tono con il resto dell’offerta Nintendo, ma immagino che quel “Neptunia money” sembri allettante pure alla Big N, perchè questa è “weaboo bait”, diavolo se lo è.
Vorrei parlare anche del gameplay e della storia, ma non è stato mostrato nulla di chiaro nel trailer, io immagino un mix di Persona e Fire Emblem, ma appunto – immagino-.

Nel complesso mi aspettavo di meglio, onestamente, non tanto a livello di stile, ma mi aspettavo annunci più interessanti (alcuni c’erano, come la localizzazione di Project Zero 5, ma non era nella conferenza), qualcosa su Metroid, uno vero intendo. Non era orripilante, ma hanno speso anche un po’ troppo tempo a parlare di Mario e di amiibo, e la conferenza era corta, neanche un’ora. Ok, ma un pò deludente, e privo di particolare impatto.

Sono francamente più interessato al prossimo Direct normale, ed avrei preferito quel formato, ma al contrario di Ubisoft, hanno mostrato al 99 % video con gameplay vero dei giochi presentati, cosa che la Nintendo continua a fare e che merita per questo un po’ di rispetto, se nient’altro.
Sì, c’è il Nintendo Treehouse anche quest’anno, ma qui mi rifaccio solo al Nintendo Digital Event.

Project SETSUNA concept art

Square Enix: “Annunceremo di avere un annuncio da fare”.

Ci sono i titoli della “parte occidentale” di Square-Enix che vi aspettate, come Just Cause 3 (che potrei prendere, il 2 mi ha divertito un fracco), Deus Ex: Mankind Divided (mostrato più nel dettaglio), Rise Of The Tomb Raider, con alcuni titoli mobile come Lara Croft GO!, ma si parla anche del nuovo Hitman, che da quanto detto e mostrato nel trailer avrà una componente online e/o sandbox riguardo ai contratti, con nuovi luoghi che verranno resi disponibili nel tempo, e bersagli che appaiono una sola volta in assoluto, quindi se gli mancate, sono andati per sempre.

Non mi aspettavo il teaser di Nier New Project, che sarà sviluppato da Platinum Games per PS4 (presumibilmente esclusiva), connubio peculiare. Nè di vedere presentato Star Ocean 5 con un trailer di gameplay, sul quale non ho nulla da dire perchè non conosco la serie.
Annunciata una nuova IP, Project SETSUNA del nuovo studio Tokyo RPG Factory

Ovviamente si parla di Kingdom Hearts, il cui producer parla in giapponese senza traduzione audio o video, per riproporre il solito trailer del remake di FF VII già visto nella conferenza Sony, e per dire che “questo è solo un annuncio, vi faremo sapere di più a breve”. Suona familiare? Dovrebbe.
E non contento, riparla del porting per PC e del fatto che è in arrivo una versione iOS.
Poi succede: un nuovo trailer di gameplay per Kingdom Hearts 3…. non prima del trailer di un altro spin-off, ovvero quel Kingdom Hearts Unchained annunciato per telefoni qualche tempo fa… e di un video in cui due persone dal lato Disney parlano di come sono “contente della partnership,etc.”.
Altro riciclo di trailer con quello di World Of Final Fantasy, altri 2 minuti in cui il producer del gioco in questione ne parla, e puff. Non mi importava molto del gioco in sé, come già detto.

Se dovessi descrivere la conferenza Square-Enix in poche parole direi “ un po’ imbolsita”.
Perchè potete sentire per gran parte della conferenza un senso di stanchezza, di quasi indifferenza, di poca passione ed interesse per la roba mostrata (che perlopiù sembra buona o competente), palpabile anche dalle reazioni del pubblico, molto blande. Certo, non aiuta che mi interessino pochi dei loro franchise, ancor meno con i trailer riciclati. E shareholders che forse è meglio non parlino in inglese se poi deve sembrare che abbiano etti di ovatta in gola, se sanno a malapena parlarlo. Vedere e sentire il signor Matsuda strisciare attraverso il suo discorso è stata una cosa patetica, mi spiace, ma non si poteva vedere ne sentire. Proprio… no, punto.

Conferenza meh, con alcuni titoli e trailer interessanti, ma con un retrogusto di muffa, routine d’ufficio ed entusiasmo smorzato, a dimostrare come sia “fuori tocco” la compagnia.

Nier New Project

Commento Complessivo Conferenze E3 2015:

L’E3 dei leak, senza dubbio, “erronei”, ovviamente.
Ma un buon E3, “vinto” da Sony a man basse (seppur Microsoft abbi imparato qualcosa dalle critiche e gli errori ed abbia messo su una conferenza molto buona), e con molta meno merda dell’anno scorso, con più giochi e meno “TV e multimedia”, e diversa roba da diversa gente.
Mi aspettavo francamente meglio da Nintendo, qualche annuncio incredibile ed imprevisto (e meno amiibo) ma Starfox 0 potrebbe piacermi non poco, ed è stata una conferenza divertente e rilassata.
Non molto da dire, io già al trailer di The Last Guardian ero contento, ma avere anche un nuovo IP promettente come Horizon: Zero Dawn ed altra roba promettente (oltre a quella già nota) non è male. Certo, Ubisoft è sempre Ubisoft, EA è sempre EA, i problemi di fondo rimangono, ma ogni tanto anche la EA si rende responsabile di titoli come Unravel. Non male, non male quest’anno! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: