Pilotwings Resort [RECENSIONE]

pilotwings resort

Ultimo titolo di una serie Nintendo che non ho mai giocato prima d’ora, ambientato nell’isola Wuhu di Wii Sports Resort che non ho proprio giocato, per me Pilotwings Resort é un pò un “salto nel buio”. Un pò.

Ma non preoccupatevi, non c’é molto “lore” perso o criptici personaggi presenti nel titolo precedente per pochi secondi (ed importanti per la trama) a voi ignoti. Una volta scelto un Mii e fatto una firma sul touchscreen siete pronti per esplorare il titolare resort e sfrecciare per i cieli.

Il gioco offre due modalità: Missioni e Volo Libero.

La “ciccia” del titolo è quasi tutta nella modalità Missioni, divisi in 5 categorie di difficoltà crescente: Principiante, Bronzo, Argento, Oro e Platino. Per ogni livello di difficoltà ci sono tra le 6 e le 9 missioni, divise per ognuno dei tre veicoli, cioè aereo, jet pack e deltaplano, che ovviamente si controllano in modo diverso, ed hanno sfide pensate per le capacità del veicolo.

Partite con Principiante e per sbloccare le difficoltà successive dovete ottenere un certo numero di stelle (almeno la metà di quelle totali) per ogni rangp, il che non vi permette di passare oltre e vi forza ad impegnarvi un po’ per procedere, non per allungare il brodo ma per farvi giocare al gioco ed impedirvi di saltare le missioni, perchè c’è una varietà al tutto, partendo dal fatto che le missioni sono divise per ognuno dei 3 tipi di veicoli, e ci sono versioni alternative anche di questi, oltre ad una serie di obiettivi diversi, o varianti sul classico “attraversa i checkpoint in ordine”, che comunque è alla base del titolo. Vecchio stile, sì, arcaico se volete, ma divertente, non siamo mica in territorio Superman 64. Ringraziate una divinità a vostra scelta per questo, se volete.

pilotwings resort mission select

I controlli funzionano perfettamente, sono intuitivi, ben spiegati, ed a livello grafico è un titolo Nintendo, cioè nulla di incredibile parlando di mera potenza, ma reso molto piacevole dallo stile rilassato, allegro e colorato. Non per dire che è un discreto esempio di cosa può fare un 3DS (o meglio, era un buon titolo dimostrativo delle capacità della console).

E tutto qui, pressapoco (parliamo della modalità Volo Libero tra poco). L’effetto 3D non è male, ma anche giocando il titolo su New 3DS, è difficile vederlo visto che scappa comunque se non state perfettamente fermi ed all’angolazione giusta, quindi…. tanto vale non usarlo, francamente. Dimenticatevi che esiste, non sarà difficile.

Sarò franco, posso capire se chi lo comprò ne rimase deluso a livello di contenuto e semplicità del tutto, non proprio il titolone di lancio che usi per cercare di convincere la gente a comprare la tua console, ma non posso incolpare il gioco per essere quello che è. Solo che forse chiedere 40 euro per questo… mh, non lo so. Altrimenti è qualcosa di divertente e rilassante, e che è effettivamente divertente da ritornarci sopra per migliorare i punteggi, al contrario di tanti titoli che cercano di avere rating e punteggi per fabbricare o forzare rigiocabilità anche quando non c’è molto motivo per ritornare a giocare i livelli.

Il discorso non è altrettanto valido per la modalità Volo Libero, che è una buona idea, ma ha una meccanica “furba”: potete esplorare l’isola in libertà e raccogliere collezionabili, ma avete qualche minuto per farlo. Sì, siete praticamente tenuti a guinzaglio dal gioco, che inizialmente vi da un minuto e mezzo di tempo, estendibile raccogliendo palloncini (che a loro volta non possono essere presi tutti con qualsiasi veicolo, alcuni si possono prendere con il solo jetpack, per esempio) ma è ridicolo il fatto che dobbiate lavorare per avere il permesso di giocare per qualche minuto in più.

pilotwings resort jetpack
Ci sono diversi collezionabili oltre ai palloncini, alcuni specifici per il tipo di mezzo che usate, ma questo metodo di darvi qualche minuto alla volta per esplorare non è fatto perchè su una console portatile brevi sessioni di gioco sono ideali (anche se è generalmente vero), ma per allungare la sua durata e farvi sembrare che l’isola sia più grande ed abbia più contenuto di quanto ce ne sia in realtà.

Perchè l’isola non è poi grandissima, ma il dover esplorare e raccogliere collezionabili cerca di illudervi che sia più grande. I collezionabili sebbene divertenti da prende non sbloccano poi gran cose, servono solo a sbloccate vari modellini delle location sull’isola Wuhu. Mhh.

Mi ci sono volute 8/9 ore per finire le missioni e trovare quasi tutti i collezionabili nella modalità Volo Libero, e questo solo perchè quest’ultima modalità usa quell’exploit di darvi una modalità free roaming che vi mette un guinzaglio con limiti di tempo brevissimi per sessione, il che rende ancora più lungo il processo di trovare i collezionabili rimanenti quando gli avete quasi tutti, una rottura di palle a dir la verità, visto anche il pop up che nasconde molte cose e collezionabili fino a che non ci siete vicini. É triste vedere questo arrancare disperato e pateticoper maggiore longevità.

Commento Finale

pilotwings resort world

Pilotwings Resort è un titolo molto piacevole da giocare, con missioni variegate che vi vedono sfrecciare su un’isola resort a bordo di un aeroplano, deltaplano ed anche un jetpack, semplice ma divertente ed allegro in puro stile Nintendo, e molto piacevole all’occhio.

Ma viene da chiedersi se era il caso di far uscire questo a prezzo pieno, vista la scarsa quantità di contenuto, con decine di missioni divertenti ma alquanto brevi, ed una modalità free roaming che cerca di gonfiare la longevità complessiva del gioco con disperati mezzi, tra il costringervi a raccogliere collezionabili per aumentare il tempo a disposizione per esplorare l’isola (sul serio).
C’è rigiocabilità, ma il gioco è corto, e semplicemente non c’è abbastanza contenuto, specialmente per qualcosa uscito in retail a prezzo pieno.

Questo era un titolo di lancio della console, e purtroppo è difficile togliersi di dosso la sensazione che sia stato arraffonato per accompagnare l’uscita del 3DS, sembra un titolo di lancio, oltre ad esserlo. Ma se non altro mi ha incuriosito sul resto della serie (strano che Pilotwings 64 non sia ancora sulla VC del Wii U), ed ora che si può trovare sui 10/15 euro, lo posso consigliare perchè nonostante ci sia poco da giocare, è divertente. Molto carino, ma da prendere usato ad un deca.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: