PLATFORMATION #15: Sonic The Hedgehog

sonic the hedgehog 1991

Personalmente ho sempre faticato a vedere l’appeal di Sonic The Hedgehog come serie, e non lo dico per sensazionalismo, io adoro il genere e non mi interessano le faide da fanboy “Mario VS Sonic”, ma sul serio mi sfugge come questa serie esista ancora, visto che le fondamenta su cui si basa sono tutt’altro che solide, e più prosegue più diventa disperata, tenuta in vita su richiesta dei tantissimi fan quando in realtà dovrebbe essere finita da molto, specialmente visto quanto traumatico (e parliamoci chiaro, mai particolarmente ben riuscito) il passaggio da 2D a 3D sia stato per Sonic.

Il problema per me è proprio il concetto di velocità uber alles su cui il gioco è costruito, perchè significa essenzialmente tenere premuto il pad verso destra, visto che tutto è automatizzato da respingenti e sezioni che comunque passate perchè state correndo, come i classici loop. Per me è un esempio chiaro di “stile in eccesso”, in quanto il gioco si fonda sull’andare veloce e non fermarsi mai, il che significa effetti speciali e non vera sostanza.

…Questo è quello che pensavo. Ma fortunatamente l’originale Sonic The Hedgehog serve anche a ricordare (specialmente a me) il perchè questa serie diventò popolare in primo luogo, perchè effettivamente era qualcosa di diverso da Super Mario e fece girare la testa per lo stile “alta velocità”, per il gusto di darvi un gioco alquanto dinamico ed è innegabile che c’è piacere a vedere Sonic rimbalzare su respingenti vari come in flipper, rotolare in half-pipe e loop, e in generale schizzare via come una saetta per i livelli.

La versione XBLA ha il bordo glossato all'immagine di default.

Questo però potrebbe essere un problema in teoria, perchè il gioco certamente incita ed accomoda il voler muoversi rapidi nei livelli, e ciò significa che è anche più difficile reagire in tempo ai nemici ed ostacoli quando andate a velocità Mach 3. Ovviamente sta a voi imparare a giocare e con la pratica saper reagire in tempo ed evitare di non correre sempre, ma il gioco evita una difficoltà punitiva con il suo originale sistema di salute, in cui gli anelli d’oro servono sia da collezionabili che da salute: Sonic muore con un colpo se non ha anelli, e quando viene colpito ne perde parecchi, ma d’altro canto basta che ne abbiate uno e sarete salvi, e potete recuperare quelli che i nemici vi cacciano fuori se siete abbastanza rapidi.

Inoltre per accedere agli stage bonus con i Chaos Emeralds dovete finire uno stage con almeno 50 di questi, che non è affatto facile per i motivi sopraccitati, e ricompensa giustamente i giocatori che vogliono impegnarsi (magari scoprendo le varie aree segrete od i diversi percorsi per arrivare alla fine del livello). Se volete finire il gioco e procedere attraverso le varie zone (ognuna divisa in 3 atti, nell’ultimo dei quali combattete Eggman/Robotnik), no problem.

Inoltre, il level design è ottimo, in quanto incentiva e galvanizza il giocatore ad andare veloce, ma a queste sezioni ne alterna altre in cui dovete rallentare e fare attenzione a cosa fate (magari con qualche semplice puzzle ambientale da risolvere o blocchi da spingere), il che è ottimo anche per semplice varietà, ed il livello di difficoltà è ben calibrato, diventa impegnativo in maniera naturale.

A livello di azioni e controlli Sonic ha un reportorio molto base, forse di più perchè quello di cui avete bisogno è un d-pad (o levetta analogica) ed il pulsante del salto, in questa prima iterazione potete abbassarvi ma non potete caricarvi e scattare come una palletta sul posto, dovete prendere inerzia all’inizio di una discesa (per esempio) od abbassarvi quando state correndo. Come in Mario, per uccidere i nemici gli saltate sopra, ma attenzione perchè se Sonic non è in forma di sfera quanto tocca un nemico, prenderà danno.

La mia recensione si basa sulla versione per X-Box Live Arcade del gioco, che come le tremila versioni in altre collection Sonic e Sega (di cui forse la più interessante è la Sonic Ultimate Genesis Collection), gode di poter salvare in ogni momento il gioco (i cosiddetti save states), oltre ai vari obiettivi/trofei, classifiche e varie opzioni per audio e video tipiche di queste re-release di giochi vecchi.

La versione XBLA ha il bordo glossato all'immagine di default.

La versione X-Box Live Arcade ha il bordo glossato all’immagine di default.

Oh, nel caso vogliate davvero sapere la storia: un porcospino antropomorfo blu di nome Sonic si oppone al malvagio Dr. Robotnik che vuole conquistare il mondo prendendo innocui animali ed intrappolandoli dentro mostri robotici, e Sonic si appresta a liberare i suoi amici animali dalle grinfie di Robotnik. La classica storia dell’ancestrale pugna tra ciccione e riccio.

Concludendo, dopo aver testato il gioco partendo con aspettative pessime (più che altro perchè prima di questo giocai principalmente qualche titolo 3D e vidi le recenti schifezze, dal reboot del 2006 a Sonic Boom), posso affermare che Sonic The Hedgehog è un classico del genere che ha retto il crudele test del tempo, e neanche l’umiliante, patetico stato in cui la serie è ora (senza parlare del fandom per lo più tossico che si è venuto a creare attorno al porcospino Sega), nulla potrà togliere all’originale.

Se pensiate che successivamente recensirò altri titoli della serie (e questa recensione sia un segno di ciò)… pensate bene, però vi comunico fin da ora che non recensirò Sonic Boom (sia versione Wii U che 3DS), né Sonic ’06, né Sonic And The Black Knight, o Sonic Unleashed se per quello. Un annuncio di servizio pubblico, se volete.

Come credo di aver dimostrato più volte su questo blog, non mi tiro indietro se so o ho buone ragioni di credere che giocherò una schifezza, ma non sono neanche obbligato a calpestare ogni evacuazione canina, osservarla con cura mentre si insinua nelle suole della mia scarpa, rimuoverla con un bastoncino di legno, ricomporla accuratamente in un cumulo e lasciare un post it con un voto da 1 a 10. Ancor più perchè non ho fatto giuramenti al fandom del riccio blu, e meno male.

E con questa lunga analogia scatologica vi lascio, ci si legge!

sonic creepy realistic face

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: