[EXPRESSO] Warcraft – L’Inizio (2016)

warcraft 2016

Non starò a pretendere di saperne qualcosa su World Of Warcraft, come molti so all’incirca cos’è ma non ho mai approfondito. Non il mio genere, semplicemente.

Premesso questo, Warcraft – L’Inizio non è un film brutto, ma uno che non sembra tener conto del ruolo di possibile introduzione del suo ginormico mondo fantasy allo spettatore medio. Perchè è un casino, non so se oserei il paragone con Battlefield Earth come fatto da altri, ma è un guazzabuglio incredibile, sebbene uno in cui i milioni spesi in CGI sono stati spesi assai bene, Warcraft è molto bello ed assai gradevole allo sguardo, innegabilmente.

La storia vede gli orchi invadere il regno di Azeroth perchè il loro sta morendo, ma con sé portano il Vile, una sostanza che consuma ed erode tutto ma da anche enorme potere, che il loro capostregone vuole spargere ovunque, nonostante capoclan contrari. La trama non è nulla di che, i dialoghi altrettanto, ma almeno fino a metà film si segue tutto comunque con facilità.

Ecco, dopo il tutto accellera ancora di più e l’esile pretesto narrativo collassa con il bisogno di dover inserire e giostrare tremila personaggi, terminologie, e molta esposizione per spiegare (circa) i vari plot point e le sottotrame. Tanto che il tutto diventa un ammasso di scene il cui lo spettatore si chiede che cosa stia succedendo. Sul serio, nella parte finale mi sono trovato confuso/basito e sul finale mi domandavo laconicamente “e quindi tutto questo per cosa?”, perchè ovvio che la Blizzard ci vuole fare almeno una trilogia.

Se il film riesce in qualcosa, è nel dipingere gli orchi come simpatetici, non solo monodimensionali bestioni verdi dentuti. E detto questo, Warcraft É un guazzabuglio cinematografico, ma uno che intrattiene, si lascia guardare tranquillamente, e non è noioso. Ok, ma nulla di che davvero.

americano icona

One Piece: Grand Adventure PS2 [RECENSIONE]

One piece grand adventure logo

Nel caso non fosse ancora chiaro, sono intenzionato a recensire pressapoco ogni videogame di One Piece uscito in europa, perchè se stessi pure a guardate le release giapponesi (come One Piece: Super Grand Battle X!, uscito per Nintendo 3DS due anni fa, il quale ormai non credo vedrà una release estera) spenderei un capitale a recuperare tutto, non che certi titoli pure portati nella vecchia europa non siano rari e costosi.

Ed uno di questi è appunto l’argomento di oggi, ovvero One Piece: Grand Adventure, un seguito di One Piece: Grand Battle, uscito per Gamecube e Playstation 2 e che giocai al tempo parecchio su Gamecube, a dir la verità, ma complice anche una poca diffusione del titolo, non giocai mai ad Adventure fino a poco tempo fa, in un fortuito acquisto su amazon. Leggi il seguito di questo post »

Warcraft – L’inizio [Recensione]

posterfilmita
La Blizzard ha sempre prodotto cinematiche per i suoi giochi di prim’ordine. Tutti sempre a pensare: eh, dovrebbero farci un film intero. Non si sa bene come e perché, ma dopo anni di lavoro, sul grande schermo è arrivato il film di Warcraft, che si propone come riadattamento cinematografico del primo gioco della saga. Più o meno.

Leggi il seguito di questo post »

[EXPRESSO] X-Men: Apocalypse (2016)

xmen apocalypse locandina

Benvenuti ad un altra puntata di “recensioni ignoranti sui comic book movie”.

Perchè sì, è un altro caso di io che vedo un film di supereroi senza aver visto alcuni dei precedenti film della saga, in questo caso credo di aver visto per ultimo X-Men 3 anni fa, il che dovrebbe rendere chiaro come non segua questa serie con dedizione.

Come scrissi nella recensione di Civil War, questo non è un problema poi tanto grande, perchè di solito non c’è davvero molto da capire che non si possa evincere dal film stesso, il che è una comodità.

Parlando del film, stavolta la titolare apocalisse verte su un antico mutante che viene risvegliato dal suo sonno millenario, un problema visto che il mutante in questione ha accumulato diversi poteri nelle ere (da essere praticamente un dio), e si crea un quartetto di seguaci per aiutarlo nel mettere a ferro e fuoco la terra per regnare nuovamente su di essa e sui sopravvissuti.

È la tipica storia con il villain con fare e potere divini che spinge anche i mutanti nemici ad allearsi contro di lui, quel tipo di storia, non esattamente roba fresca. Ma per un film che cerca di inserire diversi personaggi e sottotrame in 2 ore e 40 minuti…. ci riesce bene, devo dire, anche con una certa leggerezza e molta ironia in certe situazioni, buona azione, laser e mazzuolate nello stile di questo tipo di film. Non mi sono mai trovato confuso, oberato dall’esposizione o dal numero di personaggi, e non è per niente noioso (anche se l’intreccio è generalmente molto prevedibile), che non è poco, ed è più di quanto posso dire di Civil War.

E c’è effettivamente chiusura, invece di avere 3 o 4 trailer per altri film della serie infilati nella trama.

Assai decente, non male.

decaffeinato icona

Witcher 3 – Blood and Wine [Recensione]

Blood and Wine
Piattaforme
: PC(giocata)/PS4/Xbox One Data di Uscita: 31 maggio 2016

Arriva il secondo ed ultimo grosso DLC per The Witcher 3. Ritengo il gioco principale uno dei migliori videogiochi degli ultimi anni se non di sempre ed ero molto entusiasta alla sua uscita, come potete leggere nella vecchia recensione. Il suo primo DLC, Heart of Stone era di una fattura eccezionale, superando per certi versi il gioco principale per quanto riguarda la narrativa e proponeva nuovi nemici che facevano approcciare il combattimento in modo leggermente diverso. Blood and Wine sarà della stessa qualità?

Leggi il seguito di questo post »