Earth Defense Force: Insect Armageddon PS3 [RECENSIONE]

edf insect armageddon

Ogni serie ha i suoi figli ginger provienti dal secondo matrimonio, quel titolo che la maggioranza dei fan sembra ripudiare, che vorrebbe cancellare dall’esistenza perchè alla gente “l’internet” non è che faccia tanto bene, evidentemente viste le reazioni che ominidi ed ominidesse tirano addosso quando non sono completamente d’accordo con qualcosa.

Nel caso di Earth Defense Force, è questo, tale Insect Armageddon, il “pecorone nero” non sviluppato da Sandlot, responsabile di praticamente ogni altro titolo E.D.F. da sempre, ma commissionato da D3 Publisher a Vicious Cycle, dietro a Dead Head Fred (che mi piacque e di cui vorrei parlare prima o poi), Matt Hazard, e diversi titoli su licenza.

Ammesso, il gameplay di E.D.F. è semplicissimo, quindi non c’era molto da sbagliare: correte, saltate, puntate armi ad insetti, robot e mostri e sparate. Nulla di più, nulla di meno. È una formula difficile da sbagliare.

La storia è tipico B-movie come era giusto aspettarsi: alieni con robot ed insetti giganti invano la città di New Detroit, e tocca allo Strike Force Lightning, un team di soldati d’elite della Earth Defense Force, risolvere tutto.

Il cambio di sviluppatore da giapponese ad occidentale però si nota. Sì, i dialoghi e gli scambi sono sempre in quel tono da b-movie di fantascienza anni 60, con tanto di doppiaggio a tono, la trama è la solita solfa, ma i dialoghi ed il chiacchericcio si nota è scritto da un’occidentale, e sebbene non abbia lo stesso fascino di EDF classico, devo riconoscere che l’atmosfera è camp e deliziosamente dozzinale comunque, più di quanto pensassi.

edf insect armageddon trooper class

Uscito dopo Earth Defense Force 2017, Insect Armageddon permette di scegliere una classe tra 4 : soldato base EDF, agente tattico che può lasciare mini-torrette, il tipico tank con gatling gun ed l’unità jet che usa una riserva di energia sia per le armi che per il jetpack. Il che fa subito notare come la direzione scelta per questo titolo sia quella di uno sparatutto a team, con un sistema di sblocco di armi e abilità speciali (via crediti guadagnati nelle missioni e salendo di rango dopo aver raccolto sufficiente esperienza) che rendono più efficenti una classe con un’arma rispetto ad altre, e tanto che anche giocando da soli offline ci sono altri 3 bot che vi seguono e vi aiutano nella missione, sparando ai nemici ed anche usando torrette fisse.

L’IA alleata è sorprendentemente decente, e fortunatamente stavolta non c’è il fuoco amico (o meglio, non morite per un colpo di bazooka lanciato dal vostro amico e che non era indirizzato a voi), e potete essere resuscitati da alleati. E stavolta i veicoli/mecha sono molto più comodi e divertenti da controllare, al contrario della spazzatura che erano in EDF 2017, quello non mi manca.

L’altra maggiore differenza è che le missioni sono organizzate con obiettivi più tradizionali, con una serie di ordini come “vai là, difendi la posizione, distruggi il nemico” da completare quando vi vengono dati, ed altri che sono pensati nell’ottica di sparatutto cooperativo a squadra, come le tane di formiconi, che qui si possono distruggere solo avvicinandosi e tenendo premuto un pulsante per piazzare cariche esplosive, azione interrotta se venite colpiti, quindi o ci sono pochissimi nemici o dovete fare piazza pulita e sperare di non venire interrotti, a volte sono riuscito a piazzare le cariche per puro culo.

C’è sempre la predilizione per difendervi da nemici, ma il gameplay non è più sul tenere a bada gigantesche orde di nemici, perchè ce ne sono molti di meno a schermo, ed anche quando ce ne sono un certo numero, non è mai cosa enorme o pensata nell’ottica arcade dell’ondata. D’altro canto tecnicamente è più curato e solido di EDF 2017, ma comunque una cosa low budget, come è normale che siano i prodotti D3 Publisher.

edf insect armageddon screenshot

E sembra quasi paradossale lamentarsi, visto che il gioco è meglio a livello di controlli, di grafica, più curato sotto diversi aspetti e c’è anche una maggiore varietà di nemici (tra cui nuovi insettoni giganti e nuovi robot), quindi dovrebbe essere migliore, e non è un gioco diverso, è EDF (e la formula rimane uguale, con il limite di due armi e drop di armi varie dai nemici) e mi piace EDF, e lo stile “team cooperativo” scelto a dir la verità ci sta, perchè EDF è un gioco pensato per ammazzare ragni giganti in compagnia (ancora meglio in locale così potete ridere entrambi di quale mostro ridicolo vi arriva contro), ma preferisco comunque lo stile totalmente arcade della serie originale rispetto a questo più “ordinato”.

E francamente avrei fatto a meno di roba come i nidi di formica, perchè è una rottura di coglioni dover tenere premuto Triangolo sperando di non venire interrotti nel processo da un colpo d’acido o qualcosa del genere. É una cosa che NON dovete fare di continuo, ma ammazza un po’ il ritmo di gioco, è un fastidio di cui avrei volentieri fatto a meno, specialmente perchè i nidi che appaiono non sono segnati sulla mini-mappa, ed a volte appaiono senza che lo sappiate perchè non sono parte dell’obiettivo corrente (e perciò il gioco non ve lo dice, immagino).

Una cosa notabile ed il vero problema del gioco è la assai più corta campagna, non che EDF 2017 fosse lunghissimo, e di fatto le missioni erano molto simili tra loro, ancor più visto il riuso continuo di 7/8 scenari, ma il numero minore di missioni è compensato un po’ dalla durata leggermente maggiore che in precedenza, anche se continua ad essere una campagna assai corta, troppo corta.

A parte quello, la campagna inoltre finisce e….. basta, non c’è un climax vero e proprio (nonostante ci sia il set up che lo farebbe presumere), solo un dialogo fuori campo che presume la vostra unità sia morta, e basta, schermata dei risultati, e solita schermata “seleziona missione/Esci/guarda upgrades”, non c’è neanche un credit roll.

Sul serio, che cazzo era quello? Non era un finale, non lo era semplicemente. The fuck?

edf insect armageddon robo mantis in my pantys

Ho cercato subito su internet dopo, ed apparentemente dovete finire il gioco alle due difficoltà superiori per avere “finali diversi”, o meglio, un dialogo fuori voce diverso, perchè a quanto pare non avevano tempo o voglia di fare una campagna estensiva od ammodino, e quindi “forziamo” i giocatori a rifare la campagna alle difficoltà più alte per dargli qualche briciolo di contesto.
E francamente non sono dell’umore, né credo lo sarò in futuro.

Dopo aver finito la campagna una volta sbloccate il Campaign Remix, che sono versioni “remixate” delle normali missioni, con nemici più tosti oltre a quelli standard, che mi sembra un modo pezzente per cercare di dare rigiocabilità, o di costringere il giocatore a cavarne altra dopo il “finale non-finale” della storia. A completare l’offerta c’è il survival mode che è quello che pensate, ovvero combattete contro orde di nemici finchè reggete, ed è più simile al classico EDF.

Come ho detto prima, stavolta c’è l’online, e potete giocare ogni modalità in rete, con un massimo di 6 giocatori per Survival, ma come prevedibile, i server sono attivi ma non c’è nessuno, da quanto ho visto, o non starò a perdere ore e giorni per trovare un pugno di anime che sarà quasi sicuramente sarà passato a giocare Shadow Of New Despair su PS4.

Commento Finale

EDF Insect Armageddon è un gioco paradossale per me: sebbene sotto diversi aspetti sia un passo avanti rispetto a Earth Defense Force 2017, l’ho trovato un passo indietro, od un passo laterale, per meglio dire.

Certo, è vero che ora c’è un sistema di classi che pone più enfasi sul giocare in un team, che le missioni hanno una vera e propria struttura ad obiettivi che cambiano, che i veicoli/mech siano finalmente controllabili ed utili, la varietà dei nemici migliore e che in generale sia più competente a livello tecnico.

Ma la struttura dei livelli non è particolarmente geniale se poi il focus è sempre su sterminare orde di nemici, perchè alla base è e rimane EDF, e certe aggiunte per dare senso al team cooperativo sono altamente discutibili, come il dover piazzare bombe su nidi di formiche che altrimenti continuano a far uscire insetti, che va fatto tenendo premuto un pulsante e sperando di non essere colpiti nel frattempo, facendo ripartire da capo l’animazione e la barra di completamento dell’azione.

edf insect armageddon mecha

Inoltre, l’armamentario è meno gioiosamente ridicolo, ed anche se ci sono armi con proprietà speciali che ritornano (come l’Air Tortoise), c’è il sistema di classi e di tier ad impedirvi di usare qualcosa che magari avete già se non selezionate una specifica classe, e queste non condividono un’unico sistema di level up, figuriamoci.

Il maggior problema è però la cortissima campagna, molto più corta che in precedenza e che non ha manco la buona creanza di avere una conclusione, semplicemente la missione finale non ha un climax, neanche un credit roll, e venite riportati al solito menù infra-missioni come se non fosse successo nulla. A quanto pare ci sono delle varianti al voiceover che sentite prima di vedere “missione compiuta” (chiamarlo “finale” mi sembra eccessivo) e basta, ma dovreste rigiocare la campagna ad altre due difficoltà, e la ricompensa sembra non valerne la pena.

E roba come un “campaign remix” in cui si sono limitati ad inserire alcuni tipi di nemici in più nelle normali missioni fa solo pensare ad una svergognata pigrizia da parte dello sviluppatore, od un ciclo di sviluppo rapido, non escluderei nessuna della due, ma alla fine il gioco in generale sa di tirato via, che non è mai una buona impressione da dare. Ed a poco serve l’online ora, specialmente per titoli di nicchia come questo.

edf insect armageddon ants und panzers

Dulcus in fundo, Vicious Cycle è riuscita nel ricreare un tono da b-movie sci-fi, ma questo titolo per quanto simpatico a livello di atmosfera, non ha lo stesso fascino dozzinale dei normali EDF, anche se è stupido sembra più serioso o grigio.

Non è un gioco brutto, ma non è una buona introduzione alla serie per i neofiti (che troveranno ben poco da giocare) ed i fan della serie preferiranno sicuramente il gameplay classico, sicuramente meno complesso e più arcade, ma francamente più divertente. L’ironia di divertersi molto di più con un gioco di qualità discutibile, con problemi notabili ed arcaico in molti sensi che con una versione più “moderna, aggiornata, complessa e corretta” dello stesso gioco.

Che altro dire se non EDF! EDF! EDF! Ma se non lo trovate a poco nei cestoni dell’usato od in gran saldo su Steam, potete lasciare perdere e rigiocare uno qualsiasi degli altri EDF.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: