Thanks for all the fish

tumblr_m9mle0cojm1qhsmbwo1_r3_500

Quindi, come promesso, eccoci, il giorno di “chiusura” del blog.

Non ho molto da aggiungere rispetto a quanto già detto nell’articolo precedente, quindi dirò solo: grazie di tutto. Ma almeno per questo blog, è il momento di lasciarlo andare. Non lo chiuderò (perchè non c’è motivo), ma non lo aggiornerò più.

Io sto continuando a scrivere su Wise Cafe (italiano) e Wise Cafè International (inglese), quindi se siete interessati potete trovare il mio lavoro lì. Ciao e grazie!

Annunci

[MELEE MANIA: MUSOU-A-GO-GO] Warriors Orochi 4 PS4

Warriors Orochi 4 PS4.jpg

Piattaforma: Playstation 4

Disponibile anche per: X-Box One, Nintendo Switch, PC (Steam)

Giocato alla/e difficoltà: Normale Leggi il seguito di questo post »

[EXPRESSO] Pokemon Rumble Rush iOS | Mindless Masher

Pokemon Rumble Rush iOS.jpg

Sapete, in un certo senso questa è una “migrazione naturale” per la serie spin-off Pokemon in questione, visto che anche su console il gameplay era uno dei più semplicistici possibili, ed il precedente titolo era free-to-play fin da subito, quindi potete immaginare il corollario di cazzate e meccaniche che esistono per “ritenzione” ed “engagement” (vomito).

E sì, per poco NON appartiene a quella categoria di titoli free-to-play che vi forzano o vi “fortemente consigliano” a lasciare il gioco in autoplay. Per poco perchè stavolta anche il movimento del pokemon giocattolo che controllate è automatico , lasciando voi ad andare di tap mashing (o lasciare andare l’autobattle automaico) sui nemici in livelli che comunque sono sempre linee rette, con un boss alla fine, e l’unico sforzo mentale richiesto è ricordarsi le debolezze tra tipi di Pokemon.

E di tener premuto per caricare un attacco quando necessario. YAY

Ci sono nuove meccaniche, come il poter equipaggiare un pokemon con un attacco di supporto di un altro Pokèmon, ma ovviamente il tutto è legato a meccaniche di crafting, legate a materiali che vengono minati con eccessivi timer una volta passato il tutorial, tutto per portarvi al negozio e comprare le gemme con denaro vero. Se non altro è la riconferma che questi giochi sfruttano in gran parte la compulsione, perchè il gameplay è senza cervello E neanche particolarmente divertente, incredibilmente ripetitivo, con quasi zero profondità.

Sì, stavolta dovete soddisfare alcune condizioni prima di accedere al prossimo boss dell’area, ma nelle zone cambiano solo i vari Pokemon da aggiungere alla collezione, l’unico elemento che – forse – non vi farà abbandonare il gioco una volta finito il tutorial. Come gli altri della serie, c’è un briciolo di divertimento “spremibile” nonostante tutto, e gli elementi free-to-play non rovinano troppo un’esperienza mediocre, “usa e getta” fin da sempre.

americano icona