The Mummy: Dark Stories (Manga) [RECENSIONE] Universal Advertmanga

the-mummy-dark-stories

Avevo accennato ad un articolo del genere su Facebook dopo aver scoperto l’esistenza di questa… roba, ma nel caso non lo sappiate (e non ve ne faccio colpa, io l’ho scoperto per puro caso neanche qualche settimana fa), Universal commissionò un web manga di 4 capitoli one-shot, scritti e disegnati da diversi artisti, rilasciati online dal 15 al 29 luglio 2017, uniti sotto il nome di The Mummy: Dark Stories, il tutto al fine di pubblicizzare l’uscita di quella schifezza cinematografica nelle sale nipponiche, assieme ad un omonimo titolo per smarthphone che non ho giocato e che non prevedo mai di recensire o toccare .

(Sì, questo è il vero articolo finale del blog per agosto 🙂 ) Leggi il seguito di questo post »

Grind Cafè #27: “Nice shark you’ve got there, would be a shame if…”

shark-mafia

Da una parte c’è il non voler buttarsi in un abisso di shark movies davvero ginormico, anche con la mia scelta di non curare più titoli de The Asylum non manca la scelta, perchè c’è sempre qualcuno che produce film sugli squali e li getta nel mare, incurante del fatto che Sharkenado 5 è in arrivo (perchè una gag se è buona una volta, lo sarà per sempre, almeno secondo The Asylum e cinici mercanti di genere come loro).

Dall’altra è difficile non concedersi qualcosa di leggero, e film del genere non pesano più di una piuma, visto anche il livello di Q.I. richiesto per immaginarli. Perchè in fondo, siamo un pò bambini, e ci piacciono gli squali come i robot giganti, a prescindere dall’età. Magari se fossero più spesso protagonisti di film migliori (come il decente The Shallows) e meno per questa spazzatura, e meno temuti, perchè alla fine rischiate più di morire per indigestione in spiaggia che per attacco di squalo…

Quindi si fotta il sole, è quello che voglio dire, credo. E la criminalità, visto che entrambi i film di oggi mischiano i cari vecchi predatori acquatici con mafiosi e dintorni.

Comunque, buone vacanze, e buona lettura! Leggi il seguito di questo post »

10 Manga che necessitano* di essere (ri)pubblicati (*sarebbe bello se)

8333355

Il mondo dell’editoria manga è uno pieno di delusioni e serie vecchie di decenni che ciònostante non sono mai state completate, e non è sempre a causa di malagestione delle licenze, con saturazione dell’offerta pur di poter dire “abbiamo anche queste 4 serie recenti, WOOH!”: a volte le case falliscono, e chi ne compra il catalogo non è obbligato a rifare da zero una serie che non ebbe sto gran successo al tempo.

Per quanto ce ne lamentiamo come fan, è innegabile che la gente che lavora sull’edizione italiane vorrà essere pagata, e non tradurre e commercializzare qualcosa che ha quasi zero appeal in questa (relativa) nicchia. Leggi il seguito di questo post »

[ANISURGE] Castlevania

[EXPRESSO] La Mummia (2017) – Wrap It Up

la-mummia-tom-cruise-poster

Allora, Universal, anche questo sarà retroattivamente NON il primo capitolo del tuo universo narrativo se non riempie le casse? Anche se rientra dei 100 milioni di budget spesi e questo è davvero l’inizio del Dark Universe…. se ne poteva fare a meno. Ampiamente.

Ok, Universal “reboota” la Mummia. Di nuovo.

E di nuovo come un action con elementi horror.

Solo che stavolta si dimentica… di tutto, come un senso dell’umorismo decente, un ritmo adeguato, personaggi che non sanno di olmo, una storia con una conclusione, o di aderire alle proprie regole. È un disastro visto che cerca di essere più dark, si prende più sul serio, ma non funziona con insipide scene d’azione, insipide scene sogno, scene assurde o semplicemente stupide, una storia d’amore clichè all’estremo, personaggi che fanno cose assai stupide anche quando sanno benissimo i rischi “perchè lo script dice così”. E non pochi problemi vengono dal dover ficcare nella broda il set-up del Dark Universe, con la Prodigium, un’organizzazione che si dedica a combattere e contenere mostri, ovvero che esiste per fare quello che chiamerò “Marvel-baiting”.

La storia è essenzialmente la stessa del film del 1999 di Stephen Sommers (ignorando di nuovo l’ originale del 1932): una mummia viene scoperta in una tomba da un gruppo di ladruncoli, risvegliando inavvertitamente un’antico male sigillato che può distruggere il mondo, ed i nostri si devono improvvisare eroei per salvare le terga dell’umanità. C’entra un pugnale, bende, etc.

La maggiore differenza è che la mummia è femmina… e basta.

Il crimine peggiore del film è però il fatto che è pure noioso e prevedibile, ben oltre l’accettabile, è davvero un disastro totale, incapace anche di offrire intrattenimento senza pensieri di qualità accettabile. Gods Of Egypt era meglio, non scherzo.

Almeno il trailer di quello non fu messo online senza audio.

fondo di caffè icona

[EXPRESSO] Underworld Blood Wars (2017) | Mediocre Packet

Underworld Blood Wars locandina

Non sono familiare con la serie di Underworld. E con ciò intendo che questa è un’altra delle mie recensioni di un seguito… di cui non ho visto il/i precedente/i film.

Ma in fondo vi beccate pure un riassuntino iperveloce e molto sintetico dei precedenti film narrato dalla protagonista, cosa molto comune ai film d’azione ora, indi..

La trama di questo verte sulla protagonista Selene, una vampira combattente, una delle migliori del suo tipo, diventata una reietta per azioni contro la sua razza, e che ora è cercata siccome sua figlia è un ibrido tra vampiro e lycan (licantropo), ed il nuovo capo dei lycan, Marcus, vuole il suo sangue per annientare definitivamente i vampiri. Ed altre cose, non tutte delle quali sono chiarissime o ricevono chiusura o spiegazione in questo film, perchè c’è da fare “esca da sequel”.

Se siete come me, vi aspettereste vampiri e licantropi darsele, ed è più o meno quello che otterrete da questa serie action horror. Solo con personaggi assai clichè, prevedibili e non particolarmente fatti bene, o particolarmente intelligenti., il che si può benissimo dire anche delle scene d’azione, colme di stantie routine.

voglio dire, questo è un mondo in cui esistono vampiri, licantropi, e ci sono armi da fuoco moderne, ma in qualche modo i vampiri non pensano di usare granate quando i licantropi irrompono con scudi antisommossa. Strategia, questa sconosciuta.

L’azione è perlopiù di mediocre fattura, con qualche alto nei momenti gore e qualche basso quando gli attori fin troppo chiaramente saltano e fanno acrobazie aiutati da carrelli, e la storia non ha grosse sorprese, se non “vampiri liturgici”, il che mi solletica assai. La CG è decente.

Underworld Blood Wars è un film che esiste, nel complesso mediocre, un po’ noiosetto ed arraffazzonato, ma non abbastanza da essere inguardabile. È ok, immagino.

americano icona

[EXPRESSO] Life – Non Oltrepassare Il Limite (2017)

Life Non Oltrepassare Il Limite 2017 locandina

Iniziamo con dissipare la frase che spesso vedo usata per descrivere brevemente questo film “è una scopiazzatura di Alien”.

Il che è un po’ una stronzata, perchè questo film ha molto più in comune con IT! The Terror From Beyond Space, film del 1958 con una trama molto simile, ed il quale ispirò a sua volta l’originale Alien di Ridley Scott. Certe idee non sono copyright di qualcosa che credete le abbia inventate, e questo è un media ciclico (come qualsiasi altro), nel bene e nel male.

Detto questo, quella di Life è una storia familiare: forma di vita aliena a bordo di una stazione spaziale, che eventualmente diventa curiosa sul contenuto degli astronauti e si dà alla loro caccia, mentre questi cercano di sopravvivere ed evitare che uccida ancora, o che arrivi sulla Terra.

Ma il film esegue la premessa in maniera diversa a sufficienza da renderla valida, visto che la creatura è inizialmente solo una cellula inerte estratta da un campione del terreno di Marte, ed in generale il tutto è quasi più Gravity che Alien, con maggior realismo e credibilità, e la creatura ha un ottimo design.

C’è del gore, e sebbene più minimale di quanto potreste immaginare, c’è eccome, ed è forse più disgustoso ed adeguato allo stile. Ma il finale è molto tipico del genere, ed in questo caso è ben usato come chiusura del tutto.

Il cast è buono e pieno di facce riconoscibili, tipo Ryan Reynolds e Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, i personaggi sono simpatetici e caratterizzati decentemente, la regia è buona, e non ci sono momenti morti.

Life ha un suo valore, visto la non-abbondanza di sci-fi horror sul mercato, ed è ben fatto, ma ultimamente è difficile ignorare come giochi fin troppo sul sicuro, confrontato con altri film recenti nel genere.

decaffeinato icona