[EXPRESSO] Cafè Society (2016)

cafe_society

Devo essere onesto (ok, non devo, è il mio fetish,ok?), questa probabilmente sarà la recensione più inutile che scrivo da parecchio tempo. Forse.

Che intendo? Vi voglio rivelare un segreto: avrò visto a malapena 3 film di Woody Allen (questo compreso). E non ho visto mai Evangelion, visto che ci siamo tiramo fuori tutta la biancheria sporca.

Quello che voglio dire è semplice: non posso offrire paragoni, analogie o qualsiasi commento su che posto ha o merita questo film nella carriera di Woody Allen, un commento definibile critico od utile.

Quindi dopo essermi tolto la pece e le piume, vi parlerò del film, perchè no?

La titolare Cafè Society si riferisca al mondo della “bella vita” della Hollywood in pieno splendore (prima del cadavere in decomposizione attuale), quello degli anni 30 dei “talkies” in cui star e produttori si masturbano a vicenda, bevendo alcolici e tradendo il proprio congiunto con una meteora minorenne a caso. Grandi soldi, grandi budget, etc.

La storia inizia quando il ramo dimesso della famiglia di Phil lo chiama per chiedergli di trovare un lavoro “su ad Hollywood” al nipote Robert “Bobby” Dorfman, un giovane di provincia un po’ imbranato e romantico che non vuole ereditare il lavoro di orafo del padre. Tutto bene se non che il nipote si innamora della segretaria dello zio… la quale ha un“misterioso fidanzato” più vicino del previsto. Ilarità e dramma d’amore triangolare seguono, entrambi ben riusciti e con una soundtrack perfetta.

É una commedia fine, con humour intelligente ed uno spiccato gusto per l’umorismo nero, oltre che quello religioso, con un cast fantastico (Steve Carell è una delizia ed Eisenberg è una scelta ovvia ma perfetta), la vicenda si muove a ritmo sostenuto, i valori di produzione alti, ed il finale non melenso. Par moi è un ottimo film.

expresso icona

The Shallows/Paradise Beach – Dentro L’Incubo (2016) [RECENSIONE]

the shallows - paradise beach 2016 locandina

In un post su facebook, ho erroneamente commentato su come non si fosse ancora fatto vedere nelle sale italiane il thriller-horror a base di squalo The Shallows, e che mi sarei accontato di Paradise Beach.

Ecco, non era un caso se il trailer italiano di Paradise Beach mi sembrava fin troppo familiare, perchè Paradise Beache É The Shallows, solo con un altro titolo (perchè Italia), e francamente finchè non ho visto le schede info di programmazione non mi ero posto ulteriori dubbi, voglio dire, non è che manchino emuli di altri film, specialmente se si parla di film horror e di squali, ancor più. Quindi capite perchè ho semplicemente presunto che fosse un altro film con una premessa quasi identica.

Se non avete sentito parlare di The Shallows, è uno dei rari shark movie che non cerca di essere il solito B o C movie, non il solito film spazzatura con squali assassini grossi come portaerei e fatti con CGI da culo, ma un film serio che in un certo senso è il primo tentativo (e se non lo è, almeno è il primo ad aver ricevuto attenzione) di fare un film sugli squali sulla vena dell’originale Lo Squalo (a.k.a. Jaws), sul terrore e sulla paura che l’incontro con questo predatore marino può creare quando è sfidato nel suo elemento. Leggi il seguito di questo post »