E3 2018: Same Song And Dance [Highlight Personali]

devolver-digital-e3-2018_05-18-18

Con molto cinismo ed un’indistruttibile curiosità, nonostante sappiamo delle bugie e delle cazzate che metterano in mostra le compagnie, nonostante sappiamo che gran parte dei video sono scriptati mesi in anticipo e al 99 % per niente indicativi del prodotto finale, artifizi e cazzabubbole.

Nonostante tutto, vogliamo essere sorpresi, nonostante sia difficile esserlo, speriamo di vedere qualcosa che non è stato leakato settimane prima, e vogliamo dire la nostra su questi reveal, trailer, etc., quindi eccoci qua a parlarne anche quest’anno, sebbene sempre più stufi e cinici dopo anni di cazzate, mezze verità e fumo negli occhi.

Mettiamo subito in chiaro una cosa: l’E3 l’ha “vinto” Devolver Digital, come l’anno scorso. ‘Nuff Said. Leggi il seguito di questo post »

[EXPRESSO] Army Of Two X360

army of two x360

Dallo studio Visceral Games, meglio noto per la serie di Dead Space e Dante’s Inferno – uscì il primo titolo della futura serie Army Of Two. Sebbene i seguiti non furono ben ricevuti (specialmente The Devil’s Cartel), non disdegnate l’originale a priori.

Come potreste immaginare dal titolo, Army Of Two è un third person shooter moderno tutto sulla co-op, e fortunatamente non intesa come un mero “venite alla porta tutti e due per aprirla” e “salvami da morte certa mentre sono a terra”, ma con meccaniche veramente pensate per l’esperienza cooperativa, come sezioni in cui i nemici arrivano da tutte le direzioni e vi coprite spalla a spalla, discese via paracadute in cui uno spara e l’altro controlla la direzione della discesa, oppure uno di voi tiene lo scudo mentre l’altro si ripara dietro e spara per voi. Senza parlare della barra dell’aggressività che si riempie sparando, e così facendo attirando l’attenzione verso uno di voi in modo che l’altro aggiri i nemici e gli spari alle spalle, cosa essenziale per i nemici corazzati, più altri tocchi che davvero rendono l’esperienza migliore.

Ed a sorpresa non è orripilante giocato da soli, anche grazie ad una discreta IA, il poter dare comandi ed una finestra che indica cosa vede il personaggio controllato dal computer. Un buon sistema di potenziamento e personalizzazione delle armi, inoltre.

Certo, non è lunghissimo e la storia è pressapoco la solita delle “organizzazioni militari private cattive” che di solito è strabusata dai recenti Call Of Duty, solo con il fatto che interpretate mercenari, ma dura quanto deve per non diventare broda allungata, ed il titolare duo di protagonisti ed amici è alquanto simpatico, con dialoghi divertenti e raramente complimento titoli del genere per questo. Buon gioco che sa non prendersi troppo sul serio, e reperibile a poco.

expresso icona

Fuse PS3 [RECENSIONE]

Miccia Corta, Poco Botto
(A cura di Wise Yuri)

Fuse

Quando Overstrike fu annunciato, fui contento e già pregustavo sparacchiare mostri od agenti con armi assurde, creative e cartoonesche, marchio di fabbrica per la Insomniac.

E sì, quando poi il progetto riemerse come Fuse e con un nuovo, molto diverso look, il mio interesse scemò di parecchio, ancor meno con la ricezione critica del titolo, tiepida, alla meglio.
Nulla da spegnere totalmente la mia curiosità, ma da farmi aspettare che il titolo scendesse molto di prezzo per accalappiarmi una copia, è pur sempre un titolo Insomniac, roba come Q-Force non è lo standard (per fortuna). Leggi il seguito di questo post »

E3 2015: Pinocchiolandia Edition (Riponete l’Hype nell’apposito slot)

Choo choo.

Choo choo.

Un’altro anno, un altro E3, e se i precedenti sono da prendere ad esempio (risposta: quasi sicuramente sì), un altro anno di conferenze, tech demo pompate vendute come video di gameplay, annunci di uomini e donne che parlano di videogiochi e pochi videogiochi mostrati davvero, celebrità sportive che sembrano a malapena sembrano aver memorizzato uno script, annunci di DLC come se fossero una cosa gradita al pubblico, e tanti discorsi su come ogni compagnia ha il processore più lungo e duro, e la solita marea di cazzate. Senza dimenticare le voci di corridoio spesso chiaramente false che la precedono, e sempre in dosi abbondanti, e gli annunci importanti e che più interessavano a molti rivelati prima dell’E3 stesso, giusto per togliere molta della curiosità.

Ma nel mucchio di bugie e longimiranti leccate ed auto-leccate all’ego della corporazione di turno, ci possono essere qualche annuncio o dimostrazione interessante, qualche novità inaspettate.

Perchè pur dovendo ormai spegnere gran parte delle aspettative per eventi del genere (e per questa industria nel suo complesso, a ben vedere) onde evitare continue delusioni ed incazzature, l’E3 rimane un evento difficile da mancare, e la curiosità, nonostante il cinismo e pessimismo dilagante (e giustificato, almeno secondo me), c’è sempre.

Leggi il seguito di questo post »

The Weakly Hobbyt #172

The Weakly Hobbyt #172

Domenica di primo avvento, le prime candeline a segnalare il lungo Countdown fino a Natale iniziano ad accendersi oggi (io le mie le devo ancora comprare, per fortuna c’è un mercatino Natalizio, spero di trovarci qualche candelina aromatica), mentre per i videogiocatori e amanti filmici iniziano una serie di appuntamenti da non perdere che termineranno poco prima di Natale, per potersi quindi concentraer sulla festa più commercializzata di sempre.

Noi oggi diamo un primo assaggio di questo, con due recensioni fresche fresche di Nightcrawler e Dragon Age – Inquisition. In appendice, Hohocum e Crysis Warhead.

Leggi il seguito di questo post »

E3 2014: The Sum

E3 2014

Con un pò di ritardo, ma ecco le nostre opinioni complessive sull’E3 2014.

Leggi il seguito di questo post »

E3 2014, Day One [Microsoft & EA]

E3 2014

E3 TIME! AGAIN! Scusate se questo anno siamo molto spartani con le presentazioni ed intro, ma ci sono cause di forza maggiore, date la colpa a loro! 😀

Come l’anno scorso, il post verrà aggiornato con il commento di ogni writer. ;D

Leggi il seguito di questo post »